Miglior hosting 2024: classifica e guida all’acquisto

Se hai aperto il nostro approfondimento è perché sarai sicuramente alla ricerca di una guida chiara e dettagliata, che mostri i migliori hosting. Gli stessi sono fondamentali per lanciare e per mantenere attivo qualsiasi sito web, o e-commerce. Sceglierne uno, soprattutto per un utente inesperto ed alle prime armi potrebbe tuttavia risultare alquanto ostico e complesso.

Abbiamo quindi deciso di strutturare questa guida completa al miglior servizio di hosting, così da supportarti nel processo di scelta nel migliore dei modi. Valuteremo diversi aspetti, partendo dal significato di hosting, passando per le caratteristiche da considerare per la scelta ottimale, fino ad arrivare ad una lista aggiornata con alcuni dei principali servizi disponibili sul mercato. Iniziamo subito.

Cos’è un hosting

Vista la poca chiarezza presente online, cerchiamo in primo luogo di definire il significato di hosting. Un hosting è un servizio completo che permette a sviluppatori di siti, chiamati in gergo tecnico webmaster, di poter lanciare e mantenere i contenuti del proprio blog online, ossia su internet. Per semplificare ulteriormente la questione, un servizio di hosting mette a disposizione uno spazio ben definito (su un server) che racchiude tutti i file e la struttura del sito, così come tutto ciò che viene caricato attraverso la piattaforma di gestione, ossia il database CMS.

È quindi importante saper distinguere il concetto di hosting, dai concetti di server e di dominio. L’hosting è il servizio che nel complesso permette di mantenere attivo ed online il sito internet. Il server, è invece una macchina che garantisce l’archivio dei file e dei documenti disponibili sul web. Quanto al dominio, è invece semplicemente la denominazione che viene utilizzata per individuare un sito online, in parole povere si tratta proprio del nome del sito.

Come scegliere il miglior hosting

Arrivati a questo punto, è possibile scendere nel dettaglio e considerare tutte le caratteristiche più importanti per poter scegliere il server più adatto alle proprie esigenze e necessità. Valuteremo quindi diversi aspetti, così che riuscirai in totale autonomia a selezionare il servizio giusto fra quelli indicati nell’elenco successivo.

Tipologia di hosting

Il primo aspetto valutativo, fondamentale per poter scegliere l’hosting, attiene la tipologia. Sulla base delle tue esigenze puoi optare per diverse soluzioni:

  • Hosting condiviso, che è una delle soluzioni più economiche poiché permette, come indicato dal nome stesso, di condividere lo spazio di archiviazione con altri utenti di rete. Si mostra una soluzione adatta per siti dalle piccole dimensioni, ma soprattutto più siti associati ad una sola azienda, o società.
  • Virtual Private Server, chiamato comunemente VPS, che permette di usufruire di soluzioni molto vicine a quelle di un server dedicato, senza tuttavia dover ricorrere a tutta l’infrastruttura.
  • Hosting con server dedicato, ossia una soluzione adatta soprattutto per siti e progetti dalle grandi dimensioni, poiché permette di ottenere uno spazio da adibire unicamente al proprio sito, o ai siti della propria società.

Piani del servizio hosting

Ogni servizio, come avremo modo di scoprire più avanti con la classifica dei migliori hosting, ti permette di selezionare fra più piani dedicati. Quelli base, dispongono solitamente di minori funzionalità e minore spazio (risultando adatti per siti dalle piccole dimensioni e con volumi sulle visite abbastanza ristretti). Quelli avanzati, dispongono invece di più memoria di archiviazione e di più funzionalità. Ricorda quindi di scegliere un servizio definito “scalabile”, ossia che ti permette di variare da un piano all’altro sulla base delle tue necessità, ossia in virtù della crescita e dello sviluppo del sito.

CMS e dominio integrato

Ulteriori aspetti fondamentali, riguardano il CMS e il dominio integrato nel servizio hosting. Se sei un utente alle prime armi, è quindi fondamentale optare per un servizio tutto in uno, che garantisca il dominio, ossia il nome con il quale il proprio sito verrà individuato online ed il CMS, ossia la piattaforma di gestione per poter caricare i contenuti sul server. Uno dei CMS più importanti ed utilizzati al mondo è WordPress, anche se il mercato propone diverse soluzioni altrettanto rapide ed intuitive. Molti servizi di hosting che andremo ad indicare propongono il dominio a costo zero.

Valore di uptime

Fra i vari parametri che è possibile verificare in merito ad un servizio di hosting troviamo l’uptime. Senza scendere troppo in tecnicismi, l’uptime è un valore che viene espresso in percentuale e va ad indicare il periodo di tempo in cui un determinato sistema informatico ha avuto la capacità di risultare attivo, senza essere interrotto nell’elaborazione dei propri processi operativi. In questo caso, ricorda sempre di fare affidamento su hosting con un uptime almeno al 99,5%. I servizi che avremo modo di indicare a seguire nel nostro elenco, mostrano in ogni caso (quasi tutti) un uptime compreso fra il 99,8 e 99,9%.

Sicurezza e gestione

In ultimo, non di certo per importanza, troviamo la sicurezza e la gestione. Per il secondo aspetto, ricorda di puntare sempre su servizi hosting con gestione semplificata e che mettano a disposizione pannelli di controllo facili da utilizzare. Uno dei più noti è il cPanel. Quanto alla sicurezza, ogni servizio hosting può risultare più o meno completo. In linea generale, verifica tuttavia almeno la presenza di protocolli di protezione base. È ad esempio possibile citare SSL, Firewall, sistemi anti Malware e così via. La presenza di una chiara ed esaustiva assistenza, rappresenta infine un valore aggiunto da non sottovalutare, soprattutto qualora fossi un utente alle prime armi.

Classifica dei migliori hosting

Comprese le principali caratteristiche valutative da tenere a mente nella scelta al miglior servizio hosting, presentiamo a seguire una lista chiara ed esaustiva con alcune proposte interessanti. Servizi che hanno avuto nel corso del tempo la capacità di ritagliarsi un’importante quota di mercato nel settore e con centinaia di recensioni positive online.

VHosting

vhosting

VHosting è un’ulteriore servizio italiano, con un ottimo rapporto qualità prezzo e selezionato da molti siti nazionali. Se la tua idea è quella di aprire un sito internet prettamente per l’Italia, valutare un servizio di hosting con server locali può rivelarsi un’idea efficiente. VHosting ti permette di beneficiare di un dominio a tua scelta (a patto che lo stesso risulti disponibile) gratuito per i primi 12 mesi. Presente inoltre un sistema avanzato di protezione per la posta ed altre funzionalità per ogni piano specifico. Il livello di uptime è fra i più alti nel mercato italiano ed internazionale (aspetto sicuramente da non sottovalutare). I piani che possono essere selezionati sono 4:

  • Una prima sottoscrizione denominata “Veloce”, che si divide a sua volta in un piano con 20 GB di spazio ed un piano con 30 GB in SSD. Due soluzioni ottimali per siti e blog dalle piccole dimensioni e con un numero medio di visite mensili.
  • Una seconda sottoscrizione denominata “Super Veloce”, che a sua volta si divide in un piano con 35 GB di spazio ed un piano con 50 GB in SSD. Per entrambe le sottoscrizioni viene garantito l’accesso SSH, backup automatico, una migrazione WordPress a costo zero ed SSL gratuito.

>> Prova Vhosting.

Siteground

siteground

Siteground è forse uno dei servizi di hosting più professionali disponibili sul mercato. A renderlo davvero speciale rispetto alla concorrenza, troviamo la presenza di molti piani diversificati, ma soprattutto scalabili fra di loro, così da poter accompagnare il webmaster durante la crescita del proprio sito. Partendo dalla velocità, ossia dal livello di uptime, Siteground dichiara un uptime pari al circa 99,9% (quindi quasi il massimo). Non mancano sistemi e protocolli di sicurezza, come ad esempio IDS/IPS e protezioni contro attacchi hacker. I piani che possono essere selezionati su Siteground sono 3, ossia:

  • Start Up, che dispone di un dominio Web, SSL a costo zero, backup ogni 24 ore, 10 GB di spazio, cache subito pronta all’utilizzo, gestione altamente semplificata con WordPress ed un account email gratuito.
  • Grow Big, è invece il piano più avanzato, che integra più funzionalità e maggior memoria. È consigliato per i siti che hanno un volume sulle visite mensile attorno alle 250.000 e mostra 20 GB di spazio, PHP, Staging (ottimo per la creazione di una copia del sito) e backup on demand di ultima generazione.
  • Go Geek, ottimo per tutti i siti con volumi molto elevati sulle visite mensili (uguali o superiori al milione). La memoria messa a disposizione ammonta a 40 GB ed oltre alle funzionalità dei piani precedenti troviamo anche un’assistenza prioritaria avanzata.

>> Prova Siteground.

SupportHost

supporthost

Se ancora non hai comprato il tuo pacchetto hosting perchè stai valutando le varie alternative, è giusto che tu dia un’occhiata anche a SupportHost. Si tratta di un’azienda con sede legale in Estonia ma i suoi servizi sono efficienti da qualsiasi parte del mondo, inoltre gli assistenti rispondono molto velocemente alle richieste di aiuto dei vari utenti.

Se compri un pacchetto di hosting da SupportHost avrai un sacco di vantaggi, come ad esempio:

  • il trasferimento gratuito se decidi di migrare il tuo sito web da un altro provider verso SupportHost;
  • acquistando con pagamento annuale un pacchetto di hosting avrai il dominio gratis;
  • il certificato SSL gratuito (quella famosa s dopo http nel dominio);
  • la possibilità di utilizzare la dashboard per la gestione delle risorse, cPanel;
  • uptime del 99.9%;
  • e utenti database illimitati.

Se non vuoi acquistare subito un pacchetto SupportHost, puoi anche provarlo gratuitamente per 14 giorni e poi decidere come proseguire. In alternativa puoi applicare al carrello il codice sconto zonamarketing per avere uno sconto del 10% sul tuo abbonamento.

>> Prova SupportHost.

Hostinger

hostinger

Hostinger rappresenta uno degli hosting più innovativi e completi al mondo. Una delle caratteristiche principali riguarda proprio la velocità di uptime e di caricamento, addirittura al di sotto al secondo (fra le più efficienti sul mercato,), comprovata da test di ultima generazione.

A garantire una velocità senza eguali, troviamo anche un sistema rivoluzionario, chiamato Cache Manager. Può essere impostato a propria discrezione e permette di efficientare i processi. Tutti gli utenti che decidono di usufruire di questo hosting possono ottenere sistemi SSL, salvataggi in backup settimanali, così come ogni 24 ore per alcuni piani avanzati, fino ad arrivare a numerosi sistemi di sicurezza e di controllo interni. Fra gli stessi citiamo sistemi di protezione contro Hotlink, Firewall e molto altro.

Disponibile inoltre un CMS sempre aggiornato ed accesso SSH (per i piani Business e Premium). Restando in tema piani, il servizio di hosting Hostinger risulta scalabile ed ha 3 piani specifici, da poter scegliere a propria discrezione:

  • Single, con 30 GB di spazio;
  • Premium con 100GB;
  • Business (adatto per i siti con un volume di visite mensili elevato) con ben 200 GB di spazio di archiviazione.

>> Prova Hostinger.

ServerPlan

serverplan

ServerPlan è un servizio hosting italiano che ha saputo nel corso degli ultimi anni ritagliarsi una propria quota di mercato nel settore. Un fiore all’occhiello del tutto italiano e con tantissime funzionalità aggiuntive per gli utenti sottoscrittori. Puoi ad esempio ottenere un comodo servizio PEC, da poter gestire direttamente sulla piattaforma. Quanto all’hosting, sulla base delle tue esigenze e necessità, puoi optare su 4 piani differenti:

  • StarterKit, che è il piano base, nonché il più economico. Ha un dominio gratuito, backup giornalieri, SSL a costo zero ed alcuni sistemi di protezione contro attacchi informatici.
  • Startup, ovvero il piano intermedio, che integra funzionalità avanzate e più memoria. La società lo indica adatto per siti e blog con un numero di visite mensili attorno alle 100.000.
  • Enterprise ed Enterprise Plus, che vengono invece consigliati dal servizio per siti con circa 180.000 e 300.000 visite mensili. Mostrano funzionalità avanzate, backup efficienti ed un livello di uptime ai massimi livelli, presente tuttavia anche per gli altri piani.

>> Prova Serverplan.

Register

register

Se sei un appassionato, o un esperto del settore, avrai sicuramente sentito parlare del noto servizio di hosting Register. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un servizio strutturato e gestito da una società italiana. Si mostra quindi un’ottima scelta anche qualora avessi intenzione di avviare un sito solo per l’Italia e beneficiare così di velocità senza eguali. Fra le tante funzionalità troviamo anche servizi di fatturazione (ad oggi obbligatori per diverse tipologie di professionisti), indirizzo di posta PEC e molto altro ancora.

Sulla base delle proprie esigenze, puoi optare per sottoscrizioni di hosting gestito, o non gestito. Per quelli con CMS integrato la scelta è davvero vasta. Con un piccolo costo puoi beneficiare di un dominio gratuito per i primi 12 mesi (a patto che risulti disponibile), uno spazio di 10 GB, gestione altamente semplificata con WordPress, 5 account email, 2 database MySQL e cPanel. Quanto alle sottoscrizioni non gestite, è possibile scegliere piani con SSL integrato e con spazi a partire da 50 GB.

>> Prova Register.

Tophost

tophost

Tophost è uno dei servizi hosting più economici presenti sul mercato e viene utilizzato sia da siti di piccole dimensioni che da siti e blog con grandi volumi di visite mensili. Il sito ufficiale, che mostra sempre tutte le informazioni in modo trasparente, permette anche di visualizzare il valore di uptime medio ottenuto durante l’ultimo mese. Al momento attuale ammonta a circa 99,84%, ossia un ottimo risultato, considerando che dal 99,5 % in su un servizio hosting viene considerato efficiente. Fra le tante funzionalità disponibili ricordiamo backup automatico, sicurezza verificata da Google Safe Browsing, Autofix per protezione da virus e tanti altri servizi. Le sottoscrizioni che possono essere selezionate, sulla base delle proprie esigenze sono:

  • Topname, con 1 GB di spazio, un dominio incluso, un indirizzo email e HYTPS + HTTP2.0;
  • Topweb, con 20 GB di spazio, 4 database MySQL, 30 indirizzi di posta elettronica e diverse funzionalità avanzate;
  • Topweb Plus, con 50 email, ben 5 database MySQL ed uno spazio di 50 GB;
  • Topweb Ultra, con uno spazio di 50 GB, 6 database MySQL, traffico e terzi livelli illimitati, Redis dedicato e molto altro.

>> Prova TopHost.

Keliweb

keliweb

Continuiamo la nostra classica ai migliori hosting del con Keliweb, ossia un servizio professionale e di ultima generazione, con una considerevole quota di mercato. Una delle caratteristiche distintive più importanti riguarda proprio l’ottimo rapporto qualità prezzo. Anche in questo caso, sulla base delle proprie esigenze, è possibile scegliere fra diversi piani scalabili. Più nel dettaglio, le possibilità sono 4:

  • KeliUser, con uno spazio di 5 GB, 10 caselle di posta, 1 database MySQL, SSL a costo zero, Antimalware, sistemi di protezione Firewall e molto altro.
  • KeliPro, con uno spazio di archiviazione pari a 10 GB, ben 50 caselle di posta elettronica, accesso SSH e 5 database MySQL.
  • KeliCMS, che fa invece parte dei piani ottimizzati per CMS e con integrazione Node.js. Dispone di certificato SSL ed uno spazio di archiviazione pari a 20 GB.
  • KeliTOP, ovvero una soluzione con ben 100 GB di spazio su SSD, valevole soprattutto per le società che dispongono di più siti da lanciare, o da gestire sul web.

>> Prova Keliweb.

Netsons

netsons

Netsons è uno degli hosting più affidabili sul mercato e dispone di migliaia di recensioni positive. Al di là dei tradizionali piani di web hosting, propone anche l’acquisto di domini, servizi di hosting SSD, cloud hosting e tanto altro. Fra le principali caratteristiche distintive ricordiamo la presenza di server rapidi, architettura innovativa, sistemi di cache, CDN e di Storage SSD di ultima generazione.

Anche la sicurezza non è da meno, poiché i piani disponibili mostrano backup automatici (da poter effettuare anche in modo manuale) e diversi sistemi di protezione contro virus. Il livello di velocità e di uptime pari al circa 99,9% è garantito dalla presenza di sistemi di reti in fibra ottica avanzati. I piani permettono di beneficiare sempre di cPanel, database MySQL, POP 3, IMAP, SSL ed assistenza fra le più celeri sul mercato.

>> Prova Netsons.

Xlogic

xlogic

Xlogic è un servizio di hosting italiano, fra i più noti ed utilizzati nel nostro territorio (vista anche la sua presenza dal 2011). Mette a disposizione tantissimi servizi e molte funzionalità per gli utenti sottoscrittori, come ad esempio certificato SSL, dischi SSD, cPanel, protocolli di protezione contro attacchi informativi, fino ad arrivare a servizi accessori, come ad esempio la presenza di una PEC. Puoi liberamente scegliere se optare su hosting condivisi, dedicati, così come VPS, o hosting gestito con WordPress. I piani che possono essere sottoscritti sono 4:

  • WP01, con uno spazio di 10 GB, adatto per siti con circa 10.000 visite mensili e che permette di gestire 1 dominio web.
  • WP02, con uno spazio di 20 GB, adatto per siti di media grandezza e che permette di gestire 2 domini.
  • WP03, con uno spazio pari a 30 GB e che permette di gestire fino ad un massimo di 3 domini.
  • WP04, con uno spazio di 50 GB e che permette di gestire fino ad un massimo di 5 domini (adatto a società dalle grandi dimensioni e con siti da milioni di visualizzazioni mensili)

>> Prova Xlogic.

Shellrent

shellrent

Chiudiamo la nostra classifica con Shellrent, che offre una serie di servizi di ultima generazione, con un rapporto qualità prezzo davvero imbattibile. Il dominio viene incluso per i primi 12 mesi e si ha la possibilità di scegliere fra diversi piani. Partendo dall’hosting WordPress con prezzo fisso, permette di usufruire di caselle email da 1 GB, CMS sempre aggiornato, backup settimanale a costo zero, sistemi anti malware gratuiti, database MySQL, SSL, Firewall WAF e gestione altamente semplificata.

Le soluzioni di hosting Linux sono invece 3: Basic (con 5 email da 1 GB, 1 database MySQL, dominio e backup settimanale), Standard (con 30 email e 3 database MySQL) ed infine Enterprise (email illimitate da 5 GB, database MySQL illimitati, PHP, HTTP, spazio e traffico illimitato, backup settimanali e giornalieri, Positive SSL, Mail Protection e molto altro ancora). Anche in questo caso il livello di uptime supera abbondantemente il 99,5%.

> Prova Shellrent.

Aruba

aruba hosting e dominio

Sappi che il mio rapporto con Aruba non è buono. I primi anni della mia attività da affiliate marketer ho acquistato parecchi pacchetti di hosting e dominio da Aruba. Sia perchè erano le mie prime mosse nel settore del digital marketing, sia perchè i prezzi erano veramente economici. In realtà, ben presto, dopo aver fatto un po’ di esperienza mi sono reso conto che non è un buon hosting come lo intendo io (infatti a mio parere ce ne sono molti altri di migliori) e soprattutto non è economico dal secondo anno in poi, in quanto utilizza il trucchetto del rinnovo a prezzo maggiorato già dal primo rinnovo, ma se alcune aziende di hosting possono anche permettersi di maggiorare i prezzi, Aruba per il servizio che offre non può.

È presente nel settore da più di 20 anni e con una colossale quota di mercato, per via della vasta quantità di servizi che vende. La società permette di ottenere piani hosting Linux e WordPress, da poter selezionare sulla base delle proprie esigenze e necessità. Fra i piani Linux ricordiamo il Basic (poche funzionalità, ma ottimo rapporto qualità prezzo), Easy (ottimo per siti medi), Advanced (integra servizi base e servizi avanzati, compreso indirizzo PEC) e Professional.

Adotta ancora un’interfaccia scarna, come quelle dei primi anni duemila. Infatti, anche la gestione dei file non è in linea con tutti gli altri hosting. Questo implica che ogni volta che devo fare un trasferimento di un sito (per me o per i miei clienti) devo mettermi le mani nei capelli. Per non parlare poi dell’assistenza Aruba, la quale è totalmente inutile.

Perché è bene scegliere un hosting a pagamento

Giunti al termine del nostro approfondimento completo, è bene chiedersi il perché scegliere un hosting a pagamento rispetto ad un servizio hosting gratuito. Così come per tutti i servizi legati al settore web ed informatico, un servizio a pagamento permette di ottenere molte più funzionalità di uno gratuito. Un hosting a costo zero, impone molto spesso un dominio che va a sponsorizzare la stessa società che propone l’offerta. Non risulta così possibile personalizzare a dovere il sito, o renderlo professionale. Un servizio hosting a pagamento, dispone inoltre di molte più procedure di controllo e sistemi di protezione. Aspetti che, come ricordato nei paragrafi precedenti, non devono mai essere sottovalutati e trascurati dai webmaster.

In ultimo, un servizio di hosting gratuito permette solitamente di usufruire di una piccolissima memoria, non di certo adatta se disponi di un sito importante, così come di un sito appena lanciato, ma con potenziali aspettative di crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto