I 22 migliori programmi di affiliazione: con quali lavorare?

Eccoci qua in un altro articolo dedicato all’affiliate marketing. Se sei un nuovo lettore del mio sito ti consiglio vivamente di recuperare la lettura di tutti i vecchi contenuti perchè secondo me ne vale la pena.

Si forse, sono un po’ troppo egocentrico, ma non mi interessa. Preparati alla mia schiettezza, perchè nella vita preferisco essere diretto e severo. (qui la mia storia)

Comunque ho deciso di scrivere questo articolo per elencare tutti i programmi di affiliazione che attualmente utilizzo per guadagnare dei soldi.

Quindi, a breve dopo la mia solita introduzione proporrò ogni programma con una breve descrizione.

Innanzitutto, spero tu sappia cosa sia l’affiliate marketing. In poche parole si tratta di un modello di business che prevede di promuovere e vendere prodotti di altre aziende e in cambio ricevere una commissione calcolata in percentuale sul costo dei prodotti venduti.

funzionamento affiliate marketing
Funzionamento affiliate marketing.

Concetto molto semplice ma ti faccio un esempio ancora più esplicativo, se compri il libro da questo link https://amzn.to/3GYVL2A riceverò il 6% di commissione. In questo caso parliamo di affiliazioni Amazon, ma ci sono tante altre aziende che hanno il proprio programma di affiliazione e permettono di far guadagnare i propri affiliati.

Cos’è un programma di affiliazione?

Un programma di affiliazione di un’azienda è composto da questi elementi:

  • descrizione del programma;
  • regolamento e policy per la promozione;
  • immagini del prodotto;
  • commissioni sul venduto (percentuale e tipologia);
  • pagine di vendita;
  • banner pubblicitari e link affiliati;
  • contatto dell’affiliate manager;
  • statistiche e performance del programma.

Ogni azienda rende disponibili tutte queste info tramite la piattaforma sulla quale ha realizzato il proprio programma di affiliazione.

Perchè un’azienda dovrebbe avviare il proprio programma di affiliazione? I vantaggi sono tutti quelli legati all’affiliate marketing. Infatti, in questo modo l’advertiser paga (corrispondono per lui agli investimenti di marketing) solo dopo aver incassato dalle vendite generate dalla rete degli affiliati. Inoltre, se il programma e gli affiliati sono gestiti nel modo corretto ed etico, si ottiene un grande vantaggio anche a livello di branding, in quanto questo viene rafforzato.

Per quanto riguarda le commissioni di un programma di affiliazione, queste possono essere di vario tipo:

  • Pay per Sale (PPS), l’affiliato guadagna la commissione su ogni vendita prodotta tramite il suo link affiliato;
  • Pay per Click (PPC), l’affiliato guadagna la commissione su ogni click generato tramite il suo link affiliato;
  • Pay per View (PPV), l’affiliato guadagna la commissione per ogni visita al sito;
  • Pay per Lead (PPL), l’affiliato guadagna le commissione ogni volta che un utente lascia il suo contatto, ad esempio compila un form.

Differenza tra programma di affiliazione e network di affiliazione

Sono in molti ancora a fare confusione tra network di affiliazione e programma di affiliazione. Quindi, prima di analizzare concretamente ogni programma di affiliazione che personalmente utilizzo, vediamo in dettaglio la differenza.

Mentre un programma di affiliazione, come ho illustrato nel paragrafo precedente fa riferimento ad un’unica campagna di affiliazione, un affiliate network racchiude al suo interno più campagne di diverse aziende. In questo modo, un affiliato che si iscrive ad un network ha la possibilità di poter accedere da una sola piattaforma a più offerte da promuovere. Lo svantaggio è che questa variante introduce una nuova figura tra affiliato e azienda produttrice, che prende proprio il nome di network di affiliazione, il quale per guadagnare si trattiene una piccola parte da ogni commissione generata dall’affiliato.

Lavorando con i network di affiliazione, gli affiliati guadagnano un po’ di meno ma hanno il vantaggio di poter raggiungere più agevolmente il payout in quanto hanno a disposizione più campagne da poter promuovere, cosa che non prevista dai programmi di affiliazione.

Come scegliere il programma di affiliazione giusto?

scelta del programma di affiliazione
Scelta del programma di affiliazione.

Di seguito, ecco l’elenco degli elementi che prendo in considerazione nel momento in cui valuto un programma di affiliazione (spiegati anche nel mio corso):

  • Considera solo programmi di affiliazione che sono pertinenti alle tue nicchie di riferimento. Non ha senso promuovere dei prodotti che non interessano al tuo pubblico target, in quanto avresti delle bassissime conversioni (o addirittura nulle) e perderesti un po’ di autorevolezza nella tua nicchia di riferimento agli occhi della tua audience. Scopri anche cosa vendere in ogni periodo dell’anno;
  • Spesso l’unico elemento che viene consultato per stabilire se procedere con la promozione o meno di una campagna di affiliazione sono le commissioni (le quali possono essere fisse o in percentuale). In realtà è un parametro importante ma non strettamente indispensabile, nel senso che in alcuni casi dei programmi di affiliazione con delle commissioni più basse possono compensare con altri vantaggi. Ad esempio, il programma di affiliazione di Vhosting paga di meno rispetto a quello di Siteground, tuttavia le commissioni di Vhosting sono ricorrenti, quindi, l’affiliato percepisce delle commissioni ad ogni rinnovo degli utenti. Per fare la scelta giusta bisogna sempre valutare tutto il contesto.
  • Le policy sono un aspetto da non sottovalutare se vuoi lavorare con le affiliazioni in modo professionale e duraturo. Altrimenti al primo controllo verrai bannato dai programmi di affiliazione. Ad esempio, Amazon non vuole la sponsorizzazione tramite ads dirette oppure alcuni programmi vietano di puntare su alcune keyword nelle aste per pubblicità a pagamento;
  • Fai delle ricerche su Google per accertarti dell’effettiva affidabilità del programma di affiliazione in considerazione. Cerca informazioni sulla puntualità dei pagamenti, sui tassi di annullamento e leggi eventuali feedback di qualsiasi tipo;
  • I cookie sono il meccanismo tecnico utilizzato per tenere traccia degli utenti dal momento in cui cliccano sul link affiliato al momento in cui compiono l’azione desiderata. Questo permette di percepire delle commissioni anche se l’azione non avviene subito dopo il click, puoi, quindi, percepire la tua commissione fino a quando non scadono i cookie. La durata dei cookie è indicata nella descrizione del programma di affiliazione;
  • Le creatività sono tutti i contenuti multimediali utili per promuovere la campagna stessa. Sto parlando, quindi, di immagini, video, banner, ecc… Più contenuti ci sono più è possibile testare diversi angle di attacco;
  • Valuta sempre la disponibilità degli affiliate manager a rispondere tempestivamente alle tue domande. In passato ho lavorato con alcuni programmi di affiliazione in cui l’assistenza era quasi nulla e ti assicuro che lavorare in quelle condizioni non è stato per niente facile;
  • Se vuoi gestire il tuo cash flow in modo ottimale devi sapere perfettamente quando riceverai i pagamenti delle tue commissioni generate. Ecco perchè è importante lavorare con dei programmi che rispettino le scadenze di pagamento;
  • Lavorare con dei brand popolari (e affermati) ti permetterà di avere un buon tasso di conversione, ad esempio promuovere in affiliazione dei prodotti di Amazon è più facile rispetto ad un brand appena nato, in quanto Amazon ha alle spalle un’affidabilità e una popolarità non indifferente.

Se vuoi capire come scegliere correttamente un programma di affiliazione acquista il mio corso sulle affiliazioni: costa poco e vale tanto.

Migliori programmi di affiliazione

Siamo pronti. Dopo questo grande preambolo posso iniziare ad elencare i programmi di affiliazione con cui ad oggi lavoro:

  • Amazon Associates: è il più grande programma di affiliazione esistente al mondo dovuto al fatto che permette di promuovere qualsiasi prodotto presente nel più grande e-commerce al mondo. I cookie hanno una durata di 24 ore ma se l’utente dopo il click aggiunge il prodotto al carrello, la loro durata viene estesa a 90 giorni. Le commissioni vengono modificate di anno in anno (attualmente vanno dall’1% al 12% in base alla categoria merceologica), ma ci sono ancora ampi margini di guadagno lavorando con traffico SEO. Amazon è un brand molto forte, ergo non è difficile ottenere numerose conversioni;
  • Booking Partner: si tratta del programma di affiliazione più conosciuto in ambito travel. Utilizza un modello meritocratico, infatti più prenotazioni riuscirai a far effettuare attraverso il tuo link di affiliazione e maggiori saranno i profitti che potrai ottenere. Per calcolare le commissioni in questo caso è leggermente più complicato, in quanto il range va dal 25% al 40% ma sono da calcolare sulla percentuale che Booking stesso si trattiene da ogni host. Lo svantaggio di questo programma è che non prevede dei cookie;
  • Ebay Partner: ottimo se vuoi pubblicare le offerte di Ebay (con link affiliato) nel tuo canale Telegram o tramite canali organici, in quanto le commissioni su ogni vendita non sono altissime. Anche Ebay gode di una buona Brand Reputation, quindi non è difficile promuovere e vendere i suoi prodotti. Come per Amazon, le commissioni di questo programma di affiliazione variano in base alla categoria di riferimento del prodotto venduto. Inoltre, ci sono tanti strumenti e widget utili per agevolare il lavoro di promozione;
  • AgriEuro è uno dei principali negozi online dedicati al giardino e all’agricoltura in generale. Questo è un programma un po’ anormale, infatti le commissioni (del 15% su prodotti Brand AgriEuro e del 10% sui restanti) della conversione si calcolano sempre sul prezzo totale del prodotto venduto. Ma poi vanno divise per ogni fonte di traffico che ha portato alla generazione della conversione;
  • FoodSpring ha un programma di affiliazione che permette di guadagnare il 12% per acquisti di nuovi clienti, mentre il 6% per clienti storici. I vantaggi, oltre alle alte commissioni, sono un bassissimo tasso di cancellazione, un alto tasso di conversione e dei cookie che durano 30 giorni;
  • Siteground è uno dei provider di hosting che offre commissioni più alte ai propri affiliati rispetto a tutti gli altri provider (non a caso è quello più promosso in rete). Infatti, è possibile guadagnare 40€ al mese per 1-5 vendite, 60€ al mese per 6-10 vendite, 75€ al mese per 11-20 vendite e si possono concordare delle commissioni personalizzate a partire da 21 vendite al mese in su. Il servizio è ottimo, quindi, non avrai problemi a promuoverlo;
  • Vhosting a differenza di Siteground è molto più economico, di conseguenza anche le commissioni che spettano agli affiliati sono più basse (intorno al 15%). Il vantaggio di questo programma sono la durata estesa dei cookie fino a 90 giorni e la possibilità di guadagnare delle commissioni ricorrenti per ogni rinnovo degli utenti;
  • Shopify permette di creare dei veri e propri store. Negli ultimi anni ha raggiunto una grande popolarità a causa del covid che ha fatto esplodere le vendite online, ma anche grazie ai vari dropshipper che lo utilizzano per lanciare e testare nuovi prodotti rapidamente. La commissione pagata agli affiliati è fissa, mentre i cookie hanno una durata di 30 giorni;
  • Elementor è un tool per la creazione di landing page, vi è anche una versione gratuita che permette di compiere alcune azioni base. Se diventi affiliato Elementor puoi guadagnare il 50% per ogni utente che si iscrive all’abbonamento. Si tratta di un ottimo modo per incrementare i tuoi guadagni se hai un blog come il mio in cui parli di marketing digitale;
  • ThemeForest è il marketplace dei template per WordPress, anche se in realtà si possono acquistare anche tante altre cose. Il suo programma permette di guadagnare il 30% di commissione;
  • SeoZoom è il tool che tutti gli specialisti della SEO in Italia utilizzano, in quanto permette di analizzare nuove parole chiave e ideare strategie di marketing osservando l’operato dei competitor. L’affiliazione SeoZoom è ricorrente. Registrandoti al suo programma puoi guadagnare il 20% in modo ricorrente per ogni nuovo utente che fai abbonare. Per poter prelevare i guadagni devi aver raggiunto almeno 100€ di payout;
  • Rankister è una piattaforma nata da qualche mese che offre la possibilità di comprare e vendere guest post. Utilissima per pianificare le strategie di link building per i siti dei tuoi clienti. La commissione per l’affiliazione Rankister non è alta, infatti è appena del 3%, però una volta che farai iscrivere un nuovo utente guadagnerai a vita il 3% sui suoi ordini;
  • GetResponse è un tool di email marketing con un programma di affiliazione particolare. Infatti, è possibile scegliere tra programma ricorrente (riscuotendo il 33% di commissioni ogni mese) e il programma una tantum (riscuotendo una commissione fissa di 100€ per ogni utente). Inoltre, se hai un’agenzia puoi richiedere un piano commissionale personalizzato;
  • Kajabi permette di distribuire e vendere info-prodotti. La sua affiliazione è ricorrente con commissioni del 30% e cookie della durata di 30 giorni;
  • Builderall è un tool di marketing all-in-one con all’interno strumenti per la creazione di siti web, landing page, automazioni Ai, chatbot, video corsi e tanto altro;
  • Bcube Agency è un sito per comprare pacchetti di follower (visualizzazioni e quant’altro), per vari social network, in particolare per Instagram e TikTok. Per ogni pacchetto o altro prodotto venduto hai la possibilità di guadagnare il 30% di commissione. Puoi prelevare solo dopo aver raggiunto il guadagno minimo di 100€;
  • Fiverr è un marketplace per la compravendita di servizi, in particolare si parla di servizi digitali. Ci sono due possibilità per promuovere Fiverr, tramite il programma “Affiliati di Fiverr” che permette di guadagnare un importo fisso per ogni nuovo cliente e il programma “Dillo a un amico” che, invece, consiste nel ricevere il 20% di commissione solo sul primo ordine. Inoltre, si può guadagnare facendo iscrivere nuovi utenti al programma di affiliazione (per esempio se ti iscrivi dal mio link affiliato, io guadagnerò il 10% dei tuoi ricavi generati con l’affiliate marketing);
  • Eneba è un sito che ho conosciuto da poco e permette di acquistare buoni per la maggior parte degli ecommerce esistenti, oltre a vendere ricariche telefoniche o licenze per i videogiochi. La sua affiliazione è ottima, infatti la percentuale commissionale è del 5% ma sto parlando di prodotti sui quali un utente spende tranquillamente anche più di 100€. Inoltre, Eneba ha anche un canale Telegram ufficiale per la condivisione delle promozioni in corso;
  • NordVpn è un servizio di VPN (Virtual Private Network). Affiliandosi a NordVpn puoi guadagnare dal 40 al 100% in base al pacchetto scelto (se mensile o annuale) e in aggiunta il 30% ad ogni rinnovo. I vantaggi di questo programma sono le alte commissioni e l’alto tasso di conversione;
  • Etoro è il sito più famoso per quanto riguarda il copy trading (ovvero per fare trading copiando le operazioni di altri trader più bravi). Il suo programma di affiliazione remunera i propri affiliati in base a diversi piani: con il piano di livello 1 guadagni 250$, con il piano di livello 2 guadagni 200$ e con quello di livello 3 guadagni 100$;
  • Plus500 è una piattaforma di trading online, la sua affiliazione in Italia paga fino a 700$. Ogni affiliato ha a piena disposizione diversi strumenti di marketing innovativi progettati per attirare nuovi trader;
  • NinjaBet è una delle più antiche piattaforme per fare attività di matched betting. Invitando la tua audience ad iscriversi alla piattaforma potrai guadagnare ogni mese il 40% sugli abbonamenti Premium o NinjaSure e il 18% sui corsi NinjaMasterClass e NinjaTrading. I cookie durano 45 giorni e potrai prelevare non appena raggiungi i 50€ di commissione.

Nel corso Professione Affiliate Marketer spiego in dettaglio come funzionano diversi dei programmi di affiliazione appena descritti.

Si possono promuovere i programmi di affiliazione senza sito?

Ho già risposto a questa domanda più volte fino a quando poi ho deciso di scrivere questo articolo specifico: https://www.zonamarketing.it/affiliate-marketing-senza-sito/

Comunque si, è possibile promuovere i programmi di affiliazione senza realizzare un sito web. Tuttavia se vuoi intraprendere la strada delle affiliazioni professionali devi possederne almeno uno e devi acquisire la dimestichezza necessaria per la sua gestione. Quindi, capire come si usa WordPress, come si modificano i template di WordPress, come fare SEO, come velocizzare il caricamento delle pagine, come scrivere degli articoli in modo efficace, ecc…

Puoi imparare a lavorare con le affiliazioni in modo professionale e duraturo seguendo il mio corso: Professione Affiliate Marketer.

Conclusioni

Per concludere, la scelta del miglior programma di affiliazione dipende da te. Dipende dalle tue esigenze.

Nonostante ciò, io mi sono trovato (e mi sto trovando tuttora) bene con i programmi discussi in questo articolo, il quale cercherò di tenere più aggiornato possibile. Se tra quelli in lista, non vi è nessun programma di tuo interesse cerca su Google: “affiliate program” + nome dell’azienda alla quale vorresti affiliarti. In alternativa, recati sul sito web dell’azienda che ti interessa e dai un’occhiata al footer, in questa sezione di solito trovi una voce del tipo “Diventa affiliato“, cliccaci su e procedi con l’iscrizione.

14 commenti su “I 22 migliori programmi di affiliazione: con quali lavorare?”

  1. Ciao Giuseppe, come sempre leggo con molto interesse i tuoi articoli. Ci sono del programmi di affiliazione migliori di altri per il settore pet?

    1. Ciao Fabio,
      effettivamente in questo articolo non ho inserito alcun programma di affiliazione verticale per il settore pet. Infatti, in questo caso io utilizzo le campagne di Zooplus e di altri ecommerce presenti all’interno dei network di affiliazione. Se non hai grossi volumi ti consiglio la stessa soluzione, in alternativa puoi contattare tu stesso gli ecommerce di tuo interesse proponendogli una collaborazione.

    1. Ciao Nino,
      vorrei risponderti in modo preciso, ma la risposta in questi casi è dipende. Non posso dirti una cifra, dipende da quanto è grande la tua community, dipende dal tipo di comunicazione che utilizzi per la promozione, dipende dalle campagne che promuovi, dipende da quanto sei bravo, ecc… Ci sono troppe variabili in gioco per fare delle cifre. L’unica cosa che posso dirti è che con questi programmi di affiliazione si può guadagnare e ci si possono togliere delle belle soddisfazioni.

  2. Penso che i migliori per un marketer siano proprio i programmi di affiliazione dei tool di marketing (scusate il giro di parole ahahaha).

    1. Sicuramente per chi, come me (ma scommetto che tu sei un marketer con un proprio sito web), è molto più semplice promuovere questo tipo di prodotti perchè siamo i primi ad utilizzarli. Io, ad esempio, parlo spesso di Vhosting perchè tanti miei progetti girano su questo provider e anche zonamarketing.

    1. Ciao Noah, ho testato Builderall come piattaforma all-in-one qualche anno fa e non mi ha fatto impazzire. Il suo programma di affiliazione però era interessante. Magari a breve ci faccio su un articolo (se non sei ancora nel mio canale Telegram unisciti così ricevi la notifica non appena pubblico l’articolo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto